buona settimana

 

 

Prima mi preoccupavo per il mio futuro

(l’incognita assoluta)

adesso mi preoccupo

del futuro di mio figlio

Mettiamo troppo lo zampino

nella vita dei nostri figli?

E’ giusto cercare di rendergli

la vita più facile?

Nessuno sa mai cosa è giusto

l’importante è fare quello che si sente

senza interferenze

per il futuro ci penseremo………

*

 

buona settimanaultima modifica: 2009-03-01T14:41:06+00:00da pippolulu
Reposta per primo quest’articolo

18 pensieri su “buona settimana

  1. che ti devo dire, figli non ne ho, che io sappia almeno 🙂
    è difficile esprimersi, dire un parere che non sia banale. Certo che un po’ di attenzione credo sia un bene, poi però gli errori li devono comunque fare e da questi trarre le utili lezioni.
    Quello che sicuramente si dovrebbe fare è trasmettere i giusti valori.

    Buondì, tutto bene?

  2. Parole santissime.
    Una vita tranquilla, senza alcun problema non esiste. D’altra parte è noto che anche lo stare immobili in una condizione, determina un risultato nel mondo circostante. Quindi hai ragione, meglio una vita movimentata perché tanto se non la movimenti tu, ci pensa qualcun altro per te…

    Todos bien oggi?

  3. la musica la scelgo io, le notizie pure. La pubblicità e notiziari no, li mette il computer.
    a volte le favolose linee della telecom si intasano e per l’audio è più difficile arrivare a destinazione…penso sia questo.

    Magari domani vi faccio un bel saluto, che ne dici?

  4. Buonaseeeeera,
    è da un pochino che non ci incrociamo..e un pochino mi spiace.
    Allora, prima di tutto, grazie, per aver dato lumi a “semplice idea” sulla mia natura.
    Certo che io devo ispirarti proprio una gran fiducia, scrivendomi….”Certo potresti essere anche uno spirito che trova come unico sistema di comunicare con il suo amore tramite questo blog”.
    Ma dò una sensazione di finzione così plateale?
    Tu che hai la capacità di far mettere in moto i miei due neuroni, mi hai fatto pensare.
    Ci ho pensato su e sinceramente non riuscirei a trovare un motivo logico per idealizzare una cosa del genere senza uno scopo, ma magari sono io che sono sbagliato.
    Cioè, troverei una gran perdita di tempo pensare a dei mini romanzi d’amore per far credere che vivo un amore meraviglioso fatto di carezze, poesia e tanta seduzione.
    Perché, sempre riflettendo, io sinceramente non ne vedrei proprio il motivo di dichiarare un “non amore” che è solo nella mia immaginazione. Era solo “pour parlèe”,non trovo interessante che io parli di me.
    Invece trovo importante la tua riflessione sui figli. Penso che i ritmi della vita di oggi e la velocità con la quale scorrono gli eventi e mutano le situazioni, ci costringono a fare scelte rapide perché tutto è vorticoso. E non abbiamo il tempo per sbagliare soprattutto se “lo sbagliare” provoca problemi ai nostri figli. Non riusciremmo a perdonarci che per una nostra disattenzione , loro ne subiscano dei danni. Ecco, questo non lo riterrei il “mettere lo zampino”. Io sinceramente, non avendo vissuto una vita precedente, navigo un po’ a vista come gran parte dei genitori di oggi. Vanno seguiti con impegno, magari anche a distanza, ma il faro devono vederlo acceso e ben visibile, altrimenti…
    sarà il buio. E quando è buio, è già tardi.
    l’argomento è importante, quindi ben venga il parlarne.
    Ti ringrazio per essere tornata a trovarmi, Pippolulu, mi ha fatto piacere.
    ti auguro una buona serata.
    Un abbraccio.

  5. weeeeeeeeeeeeeeeee pippooooooolulu acciaoooooooooooooooooooo la cosa giusta sta a metà ne troppo ne poco come sempre

  6. Ciao,
    Io ho capito Pippolulu tutto quello che dici e non fa una piega, è naturale, qui ci si può inventare qualsiasi cosa, si può dire che fuori c’è il sole mentre magari grandina, non vi è nel modo più assoluto la possibilità di verificare nulla. Ma come giustamente hai scritto a “semplice idea” stiamo tranquilli che nel tempo anche dalle sole parole la verità in un qualche modo viene sempre fuori. La mia non vuole essere una ostentazione. Io ho un feeling profondo con mia moglie che è dettato dalle mille attenzioni che dai nostri quindici anni di matrimonio ci siamo sempre donati. Ma è anche giusto che non si sia tutti uguali. La mia non è la famiglia del Mulino bianco, dove si sorride, tutto va bene e si esce di casa saltellendo o facendo la ruota mentre si attraversa la strada, dico solo che c’è un impegno nel vivere i nostri sentimenti di coppia in modo attento, io metto Lei prima dei miei bisogni e lei mette me prima dei suoi e insieme mettiamo nostro figlio davanti ai nostri. Abbiamo passato come tutti, momenti difficili e momenti felici. Per assurdo, giustamente come dici tu, anche queste cose che ti sto dicendo possono essere totalmente inventate, ma qui mi fermo perché non posso dimostrare nulla di più, non ho prove che dimostrino che io stia dicendo il vero. ma come posso fare? Tu, giustamente, magari senza dire “ti amo” dimostri molto più amore di quanto ne dimostri io che forse lo pronuncio qualche volta di più, ma non dalla quantità dei “ti amo” che si conosce la quantità di amore elargito o ricevuto.
    Quindi mi trovi d’accordo su tutto, hai pienamente ragione, dico solo che alcuni attimi, fotogrammi del nostro rapporto desidero raffigurarli con le mie parole, con delle immagini e con la musica. Lo trovo così bello e delicato che che mi emoziona farlo, senza volgarità e con rispetto per lei, perché anche il mio cucciolo legge i post e a lui non posso mentire. Il suo giudizio è per me il più importante.
    Io penso che tu sia una persona molto più profonda di quanto io possa immaginare, perché vai oltre le apparenze, ed è per questo che mi apro senza timori.
    Ci tengo a questo confronto, te lo dissi dalla tua prima visita. Anzi, mi ero quasi rassegnato quando nelle mie ultime visite non ebbi nessun riscontro, ma non ho mai smesso di leggerti sia qui che negli altri blog. Ho rispettato i tuoi silenzi e tornare a rileggerti mi ha fatto molto piacere. Sei una persona che stimo. Ho apprezzato il fatto che tu mi abbia risposto ieri sera perché so cosa vul dire alzarsi presto perchè anch’io alle sei sono in piedi.
    Spero che ci si possa scrivere ancora milioni di volte, Pippolulu. Sarà sempre per me un piacere.
    Ti auguro una buona giornata.

  7. beh, pippolulu, è doveroso mettere mano e naso nella vita dei nostri figli … è la maniera di farlo che a volte si sbaglia.
    non so che età abbiano i tuoi, ma i miei sono grandicelli e mi sono sempre occupata della loro vita, cercando, ovviamente, di non essere indiscreta e di rispettare un po’ di privacy -anche loro ne hanno diritto, ma solo un po’-
    in quanto a facilitargliela dipende sempre dal caso. ma tanto a volte è impossibile evitare loro delusioni, pene, dolori…sono cose che aiuano a crescere, maturare… l’importante è che, nel momento del loro crollo, ci sia sempre tu a sostenerli, consolarli, incoraggiarli.
    io ad esempio, quando chiedo al maschio come va mi risponde sempre allo stesso modo: sì, bene, ciao…se però non glielo chiedo mi accusa di trascurarlo. e quando è in crisi è lui a venire da me a parlare e sfogarsi.
    purtroppo mio marito non è presente quasi mai, per questioni di lavoro, ma io solo la loro colonna, che subisce i loro colpi, ma che li aiuta a stare in piedi mentre si appoggiano.
    vivi serena e quello che è meglio fare ti si delineerà davanti, e sarà quello che è giusto.
    un saluto

  8. scusami, non volevo essere invadente col mio scritto…sono sicura che sai bene come agire…. credevo fosse più piccolo, invece anche lui è un giovanotto adolescente, quindi da prendere con le molle, ti capisco…spesso ci interroghiamo sulla maniera di agire con loro, perchè ci risultano chiusi nel loro mondo…era più semplice quando erano piccoli, non trovi?
    ma penso che se hanno del buoni valori, vengono fuori al momento giusto.
    per quanto riguarda il disordine: sono irrecuperabili….o quasi, eh eh
    buona giornata.

  9. weeeee lo sai perché il tetano si sta diffondendo rapidamente tra la popolazione femminile?
    Perché il Viagra ha rimesso in circolazione un sacco di uccelli arrugginiti..
    buon giornooooooooooooooooooooooooooooooo

  10. Ciao, ci siamo incrociate sul blog di Sergio, e ogni tanto vengo a farti visita. Con pudore rispondo alla tua domanda… hai messo il dito nella “mia” piaga del periodo che sto vivendo. Esito a mettere drasticamente bocca nella vita di mia figlia quasi ventenne. La ritengo una ragazza equilibrata e desidero che si senta libera. Giorni fa quando l’ho vista arrendersi davanti al suo primo esame d’universita’ e voleva mollare tutto sono diventata una iena. Sono stati giorni duri, ti poni mille domande. Ti chiedi dove hai sbagliato. Ti colpevolizzi di mille cose, compreso il fatto che l’hai protetta troppo. Nel mentre che combatti ti domandi se non sarebbe giusto lasciare ai figli di fare i propri errori come noi abbiamo fatto i nostri, per un processo di crescita.
    Poi torna il sereno… e ti racconta, ti abbraccia e sei orgogliosa di tanta fatica, e pensi che la stai aiutando a non arrendersi, e’ donna e non deve mollare!
    E sospiri e forse… pensi che hai fatto la cosa giusta…
    Ciao, un caro saluto
    Stefania

  11. E’ sempre una gioia quando arrivano
    parenti a trovarci, hai modo di fare
    conoscere bei posti dove vivi.

    Un salutone e buonanotte.

    pulvigiu.

  12. ma ti vuoi rilassare ???? e basta con le preoccupazioni se no … ci fai preoccupare !!! ahahaahahahah comunque sei inanticipo … adesso vale: BUON WEEKEND !!!
    PS ma non hai letto i commenti di prima ? quella col computer è già stata presa !!!!! quale scegli delle rimanenti ????? ahahahahahhah smackkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk

  13. che piacere leggere su i figli…
    stavo provando a iniziare un blog “IO MAMMA TU FIGLIO” su questo argomento, ma ancora è in fase di progettazione, solo qualche riflessione, ma sarebbe bello incontrarsi tutte e ragionare insieme. CHE NE DICI?
    ti mando l’indirizzo http://iomammatufiglio.myblog.it/

  14. Approdo qua sul tuo blog da quello di apriticuore e mi imbatto in questo post che sento mio, da quando sono nati i miei figli il futuro sono loro, le preoccupazioni per il domani pure. Io mi sento un mezzo per aiutarli in questo percorso. Ciao 🙂

I commenti sono chiusi.